Riduci finestra a icona
Non è stato selezionato alcun articolo

Glossario

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
Calibrazione o omologazione ufficiale Calibrazione DKD: ogni bilancia funzionante può essere calibrata. La calibrazione DKD è un servizio effettuato da privati e sorvegliato dallo stato per assicurare il rispetto dei severi standard qualitativi stabiliti dalla DIN EN ISO 9000 e segg. e da altre norme, per esempio nei settori della ricerca e della produzione
L'omologazione può essere effettuata solo su bilance del tipo consentito recanti il contrassegno verde M
➔ Omologazione
Campo d'azzeramento Il campo di pesatura disponibile di ogni bilancia viene si riduce del peso tara. Esempio: portata di bilancia Max 6000 g, tara (= recipiente) 470 g, portata rimanente 5530 g.
Certificazione Attestazione del conseguimento o adempimento di uno standard prescritto, ad es. una norma DIN come DIN EN ISO 9000 e segg. (gestione della qualità) o DIN EN ISO/IEC 17025 (accreditamento) oppure una omologazione di tipo costruttivo per bilance.
Compatibilità elettromagnetica Immunità alle interferenze, ad es. di una bilancia dagli errori di indicazione dovuti alla radiazione elettromagnetica nelle vicinanze
Comunicazione wireless per le bilance KERN fra piattaforma e apparecchio indicatore tramite il modulo radio integrato. Portata in assenza di ostacoli circa 10 - 20 m a seconda del modello
Conteggio pezzi Determinazione del numero di pezzi tramite pesatura. È possibile quando i pezzi contati sono all'incirca dello stesso peso. A tal fine si deve innanzitutto determinare il peso di riferimento e quindi i pezzi contati vengono pesati. Con le bilance contapezzi i pezzi pesati vengono visualizzati direttamente in numero di pezzi.
Tutte le bilance contapezzi possono passare dal conteggio alla pesatura.
Conteggio singoli pezzi si mette sulla bilancia p. e. 10 pezzi uguali, il numero di riferimento è 10. La bilancia calcola automaticamente il peso medio unitario. Da questo momento in poi, qualsiasi carico viene indicato in numero di pezzi. In questo caso vale la regola: tanto maggiore è il numero di pezzi usati come peso di riferimento, quanto più elevata risulterà la precisione di conteggio.
Controlli di tolleranza I valori limite inferiore e superiore vengono programmati singolarmente. L'immissione del valore limite può essere espressa in grammi, unità oppure in percentuale. Per i controlli di tolleranza, quali dosaggio, porzionatura o cernita, la bilancia indica se il peso sul piatto si trova tra i due valori limite impostati. (vedasi anche Pesatura con intervallo di tolleranza)